Riabilitazione della vista post lesione centrale

Riportiamo l’esperienza scritta dalla Sig.ra A. giunta presso il nostro centro per il recupero della vista post lesione centrale.

“Il lunedì di Pasquetta ho improvvisamente avvertito un calo repentino ed importante della vista dell’occhio destro. Mi sono recata dal mio oculista e dopo numerosi giorni e approfondimenti tramite esami strumentali mi è stata fatta la diagnosi di PAMM “Paracentral Acute Middle Maculopathy” ovvero una patologia rara definibile come un’ischemia capillare retinica maculare.

L’oculista mi ha informata del fatto che non c’era una causa specifica, non c’era una cura e non si conosceva molto di questa patologia. Mi è crollato il mondo addosso.

Mi è stata prescritta una terapia farmacologica come tentativo per arginare il problema.
Purtroppo passavano i giorni e non c’era nessun miglioramento.

Ho continuato la cura ma dopo un mese ancora nulla. Sempre lo stesso problema visivo che si manifestava principalmente come una sensazione di “visione sfocata”.

Non riuscivo a fare nulla. Ho dovuto assentarmi da lavoro, non potevo guidare, andare a fare la spesa e leggere. Anche utilizzare il cellulare era diventato un problema.
Mi sono rivolta a diversi specialisti ma nessuno mi dava risposte.

Poi ho chiesto a NeuroRiab molto sfiduciata ma desiderosa di tentare un’altra possibile strada. Mi è stata prospettata una nuova riabilitazione che includeva esercizi sull’occhio assieme ad esercizi di tatto. Una nuova proposta riabilitativa che aveva già dato importanti risultati su altre patologie ma mai testata su una diagnosi come la mia.

Ho iniziato il percorso e devo dire che ancora oggi mi commuovo quando ci penso. Da non riuscire a vedere praticamente nulla di nitido, la mia vista è tornata piano piano a schiarirsi. In 10 sedute avevo già recuperato la totalità della vista con una chiarezza pari a prima dell’evento.

Sono tornata a visita oculistica a Bologna e il Professore si è meravigliato del risultato, chiedendomi il contatto di NeuroRiab per inviare altri pazienti e attestando il miglioramento attraverso il confronto delle immagini strumentali prima e dopo l’evento.

Mai avrei creduto ad un risultato così!! Sono tornata a lavoro, guido e ho praticamente dimenticato quel brutto episodio.

Dal centro mi hanno più volte informata che questo risultato è stato raggiunto anche grazie al mio impegno negli esercizi e dopo la terapia. Mi hanno ricordato che ogni caso è a sé e che non si può generalizzare. Ma è sempre importante valutare caso per caso.

Questa è la mia esperienza e non finirò mai di ringraziarli!!

Articoli suggeriti

Paralisi del nervo facciale

Paralisi del nervo facciale: cos’è, cause, sintomi e terapia

La paralisi del nervo facciale (VII nervo cranico) rappresenta una patologia neurologica che comporta l’incapacità di muovere ed in parte di percepire un lato del viso. …

leggi tutto

La storia di Enrico

“…tutto è iniziato con la tendenza ad inclinarmi mentre camminavo… sentivo che qualcosa non andava nel lato destro, ero anche un po’ confuso, ma non gli …

leggi tutto
Prima Visita